Rassegna Stampa

Dopo Il Sciopero Globale del 15 marzo

Pubblicato il

Si è da poco conclusa la manifestazione “Fridays For Future” con la quale centinaia di ragazzi di scuole medie e superiore hanno chiesto a gran voce una maggiore sensibilizzazione ai temi ambientali. Ma ancora di più hanno chiesto azione! Azione contro i cambiamenti climatici che stanno già sconvolgendo il nostro pianeta e la società in cui viviamo e che rischiano di cambiare per sempre la nostra vita. Se è vero che come individui possiamo fare ben poco per cambiare le modalità di produzione del nostro tempo, ci sono azioni quotidiane che possiamo intraprendere per fare la differenza.

Il settore dei trasporti è responsabile approssimativamente del 30% delle emissioni di gas climalteranti in tutto il mondo. Come ci muoviamo, quale mezzo scegliamo per farlo incide non solo su noi stessi, ma anche sull’ambiente in cui viviamo. A Rimini 7 persone su 10 usano l’auto per spostarsi in città. La maggior parte degli spostamenti che avviene sotto i 5 km. Le nostre strade sono piene di auto con un solo occupante, ferme nel traffico ad ogni ora di punta. Auto parcheggiate per il 95% del tempo su suolo pubblico, generando non solo un problema di spazio ma anche deturpamento dei luoghi. Monumenti, chiese, piazze e vicoli del centro sono saturi di veicoli a motore che intralciano il passaggio e coprono splendide visuali.

Noi giovani di Rimini chiediamo un cambio di abitudini e maggiori investimenti sulla mobilità sostenibile. L’auto non può e non deve essere l’unico mezzo che usiamo per spostarci. Occorrono infrastrutture sicure, collegate e continue per i ciclisti. Ed è proprio questo che chiederemo durante l’evento “Bike For Future”. Tutti in sella alla bici per sollecitare l’apertura della Velostazione nei pressi della stazione di Rimini. La nuova struttura che ospiterà un parcheggio custodito di biciclette e nuovi sistemi di noleggio. Nonostante sia stata inaugurata da oltre un anno non è ancora operativa! Questo crea notevoli disagi per i pendolari che tutti i giorni si recano a scuola, all’università o al lavoro in treno, e devono lasciare la propria bici legata ad un palo a rischio furto.

Proseguiremo in bici su Via Flaminia, la principale arteria ciclistica della città, percorsa quotidianamente da centinaia di ragazzi a piedi e in bicicletta per recarsi a scuola al Centro Studi. Un’arteria che sarà presto oggetto di intervento da parte del Comune di Rimini per riqualificare l’attuale pista ciclabile e garantirne nuovi spazi. Nel frattempo, occorre garantire continuità all’attuale percorso ciclopedonale che si interrompe ad ogni incrocio e ad ogni rotonda. Bambini e ragazzi costretti ad andare in bici in mezzo alla strada, senza strisce ciclopedonali, a rischio investimento.

Oggi chi usa la bicicletta a Rimini si ritrova a procedere su un percorso ad ostacoli. Scendi dalla bici, attraversa a piedi, sali sulla bici, evita i pedoni, schiva l’auto parcheggiata in divieto di sosta. È possibile che andare in bici sia così difficile? È possibile che le infrastrutture dedicate ai ciclisti siano così mal tenute e pericolose?Noi di “Bike For Future” diciamo di no, e chiediamo a gran voce che spostarsi in città in bicicletta torni ad essere qualcosa di semplice, intuitivo e sicuro. Per le persone. Per l’ambiente.

Oggi lanceremo una sfida a tutti! Utilizzare la bicicletta ogni giorno, durante tutto il mese di maggio per spostarsi in città, lasciando a casa l’auto o il motorino. Ci vediamo oggi, venerdì 19 aprile alle 9.30 al parcheggio Tiberio nel Borgo San Giuliano per la biciclettata, oppure in Piazza Cavour alle 11.15

Oltre alla bici, indossate un indumento verde.

NICOLA GOBBI

Friday For Future Rimini

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami